Username:   Password:   
   
   Ricette Bimby, Foto Ricette Bimby, Ricette Bimby Pane, Ricette Bimby Dietetiche, Ricette per Macchina del Pane, Italian Recipes in English, Grafica e Decoupage
Portale  FlashChat  Blog  Album  Gruppi utenti  Lista degli utenti  Cerca  FAQ  Guestbook  Pannello Utente  Registrati
 Messaggi Privati  Statistiche  Links  Calendario  Downloads  Commenti karma  TopList  Topics recenti  Vota Forum
>
Donne e pubblicita'
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Vai a:    
  Nuovo Topic   Rispondi Indice del forum » Le Nostre Feste Festa della mamma     
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
imperatrice2

Super Club Quisquilia
Super Club Quisquilia




Sesso: Sesso:Femmina
Età: 45
Registrato: 03/10/05 13:27
Messaggi: 19606
imperatrice2 is offline 

Località: brescia
Interessi: leggere cucinare fare sport
Impiego: impiegta



italy
MessaggioInviato: Lun Mar 06, 09:40:46 Rispondi citando

I Ruoli femminili nella pubblicita':
La pubblicità è tre volte donna; si rivolge alla donna in quanto responsabile degli acquisti della famiglia, è abitata da un'infinità di personaggi femminili ed ha una forte componente emotiva.
In questo percorso l'attenzione sarà focalizzata sulle trasformazioni profonde dei ruoli sociali, che emergono nell'evoluzione dell'immagine femminile nella pubblicità. Per quanto si sforzi di presentare una donna in carriera, capace ed autodeterminata, la pubblicità non rinuncia ai vecchi stereotipi femminili di massaia e seduttrice, mostrando da un lato gli aspetti femminili di dolcezza e affettività, e dall'altro quelli tratti dall'universo maschile di emancipazione e capacità professionali. Un'armonizzazione di tali aspetti rimane, comunque, ancora lontana
_________________
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Lun Mar 06, 09:40:46






imperatrice2

Super Club Quisquilia
Super Club Quisquilia




Sesso: Sesso:Femmina
Età: 45
Registrato: 03/10/05 13:27
Messaggi: 19606
imperatrice2 is offline 

Località: brescia
Interessi: leggere cucinare fare sport
Impiego: impiegta



italy
MessaggioInviato: Lun Mar 06, 09:41:21 Rispondi citando

DONNA DOMESTICA

In questo termine si vuole comprendere il ruolo della donna madre e moglie, che in passato era quello prevalentemente presentato dalla pubblicità. Ora si ritrova in poche occasioni: le pubblicità delle merende per i ragazzi e quelle dei detersivi o dei prodotti di pulizia.
Sempre più spesso, i tradizionali ruoli femminili vengono ricoperti da uomini alle prese con la cucina e con le pulizie di casa, un po' goffi e impacciati, ma che grazie al prodotto reclamizzato riescono a cavarsela con spettacolare abilità.
La donna, al contrario, si vede sempre meno tra i fornelli e, al massimo, prepara qualcosa di surgelato...
La vecchia massaia cede il passo alla donna in carriera, che per la casa e la famiglia ha sempre meno tempo a disposizione.

DONNA SEDUTTRICE

Questo rimane, anche se non più l'unico, uno dei modelli di donna più frequenti nella pubblicità. Sicuramente, si può dire che l'uomo diventa un concorrente della donna per quello che riguarda l'abbigliamento, la cosmesi, la cura del corpo; infatti, sono sempre più frequenti gli spot, che al posto del corpo femminile presentano quello maschile come oggetto del desiderio.
Comunque, sono ancora preponderanti le figure femminili negli spot dedicati ai profumi, alla biancheria intima, alla cosmesi: la seduzione rimane quindi un'arte femminile, anche se rispetto al passato la donna ne è sempre più il soggetto e non l'oggetto.

DONNA DETERMINATA

Il corpo della donna, che nella pubblicità italiana è sempre stato solamente oggetto dello sguardo maschile, si riappropria della sua funzionalità. E' il caso della pubblicità delle calze "Si Si", con lo slogan "Mettile alla prova", in cui le protagoniste femminili giocavano a pallacanestro, si impegnavano in incontri di box e in atletica leggera. La donna riacquista quindi una soggettività, non avendo più soltanto un ruolo passivo nell'immagine pubblicitaria.
Un'altra donna determinata, indipendente e padrona della sua vita, era quella della campagna televisiva "Pegeot 106". Infatti, in questa pubblicità italiana, la protagonista, stressata dagli impegni d'ufficio e da un mancato appuntamento con un uomo, prendeva la sua automobile per percorrere paesaggi desertici e incontaminati, lasciando tutto alle spalle, per ritrovare il suo io e la sua serenità.
Quella che emerge, è una donna che sa quello che vuole, che si mette in competizione per raggiungere risultati un tempo riservati al solo sesso maschile. La vettura diventa il simbolo della libertà conquistata. Non a caso molte pubblicità recenti di automobili, presentano dei soggetti femminili intraprendenti, alla ricerca di spazi una volta negati.




DONNA DETERMINATA

Il corpo della donna, che nella pubblicità italiana è sempre stato solamente oggetto dello sguardo maschile, si riappropria della sua funzionalità. E' il caso della pubblicità delle calze "Si Si", con lo slogan "Mettile alla prova", in cui le protagoniste femminili giocavano a pallacanestro, si impegnavano in incontri di box e in atletica leggera. La donna riacquista quindi una soggettività, non avendo più soltanto un ruolo passivo nell'immagine pubblicitaria.
Un'altra donna determinata, indipendente e padrona della sua vita, era quella della campagna televisiva "Pegeot 106". Infatti, in questa pubblicità italiana, la protagonista, stressata dagli impegni d'ufficio e da un mancato appuntamento con un uomo, prendeva la sua automobile per percorrere paesaggi desertici e incontaminati, lasciando tutto alle spalle, per ritrovare il suo io e la sua serenità.
Quella che emerge, è una donna che sa quello che vuole, che si mette in competizione per raggiungere risultati un tempo riservati al solo sesso maschile. La vettura diventa il simbolo della libertà conquistata. Non a caso molte pubblicità recenti di automobili, presentano dei soggetti femminili intraprendenti, alla ricerca di spazi una volta negati.

DONNA MANAGER

La donna si vede sempre più spesso nella pubblicità nella sua veste professionale. Non più confinata entro le mura domestiche diventa protagonista della vita sociale e lavorativa. La vediamo al telefono, davanti al computer, in un ufficio davanti ad una scrivania, in una sfilata di moda, in una riunione di lavoro. Tipico esempio di donna in carriera, è la bionda protagonista dell'ultima campagna televisiva per la vendita al pubblico delle azioni della Banca Nazionale del Lavoro (banca italiana in corso di privatizzazione). In rigoroso tailleur e tacchi alti, con lo sguardo misterioso celato da un paio di occhiali scuri, la sicura e travolgente donna manager ha un seguito di uomini ai suoi comandi, che si rivolgono a lei chiamandola "capo". Forse nella realtà non è proprio così, ma è segno di una trasformazione in atto: una donna più evoluta, che entra anche nel campo finanziario, ultimo baluardo maschile, in veste vincente pronta a cogliere le occasioni con fiuto da investitrice. La pubblicità è specchio del reale, oppure lo deforma, o ancora lo anticipa sulla base dei frammenti che ha a disposizione.


DONNA VENDICATIVA

La donna vendicativa è nell'immaginario della pubblicità quella che, stanca di essere oppressa e confinata nel ruolo di debole e sottomessa ai comandi di un uomo, si riscatta con comportamenti clamorosi, che rappresentano una "vendetta" sul maschio prepotente.
La campagna televisiva "Volkswagen Golf" 1990, uscendo dalle convenzioni narrative della pubblicità delle automobili, libera, forse per la prima volta la donna dal ruolo di oggetto erotico ed erotizzante, dandole una dimensione attiva e protagonistica. La donna nello spot si disfa del rapporto opprimente con un uomo, simboleggiato da gioielli e pelliccia dono di lui, facendo della macchina il mezzo per la sua libertà.
I ruoli si ribaltano nella pubblicità della "Omsa" dove una lei alterna e provocazioni verso un uomo, incastrandolo nell'ascensore… alla fine lui esausto e spaventato si mette in fuga.

E ancora nella pubblicità della "Renault Clio 16 Valvole", il molestatore di turno viene mandato via, grazie ad un aperitivo versatogli sulla giacca da un personaggio femminile scattante e grintoso.

All'uomo di questi spot, non resta che "arrendersi".
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
  Nuovo Topic   Rispondi Indice del forum » Le Nostre Feste Festa della mamma     
Pagina 1 di 1

    

  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum
 



phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2001, 2012 phpBB Group